Addio Maestro Ennio Morricone, compositore da Oscar

Una caduta. Il ricovero. E l’addio al piu’ grande compositore cinematografico, ricercato, voluto, amato dai registi di tutto il mondo. Se n’è andato così, a 91 anni, Ennio Morricone, nato a Roma l’11 novembre del 1928, quest’anno avrebbe compiuto 92 anni.

Da Sergio Leone a John Carpenter, da Brian De Palma a Oliver Stone, a Quentin Tarantino. E poi in Italia Carlo Verdone, Giuseppe Tornatore, Gillo Pontecorvo, solo per citare alcuni dei grandi registi con cui ha collaborato. E ancora sei nomination all’Oscar, paradossalmente il primo vinto solo nel 2007 ‘alla carriera’: la seconda arrivera’ per The Hateful Eight, di Tarantino, per cui si e’ aggiudicato anche il Golden Globe. 

Seppure non premiate con l’Oscar, non si possono dimenticare le colonne sonore per I giorni del cielo, del 1979, per Mission, 1987, The Untouchables – Gli intoccabili, 1988, Bugsy, 1992, e Malena del 2001. 

Amato in tutto il mondo, ancora oggi vanta innumerevoli tentativi di imitazione, e soprattutto tributi che ne confermano la trasversalita’. Solo per citarne alcuni, da Hugo Montenegro, rappresentante di spessore della musica elettronica, che nel 1968 ha raggiunto il successo con la sua versione de Il buono il brutto, il cattivo, a John Zorn, sassofonista jazz che a meta’ Anni 80 ha registrato addirittura un intero album di musica di Morricone. E poi i Metallica, band thrash metal, usa il brano L’estasi dell’oro, come intro per i concerti fin dal 1983. La loro versione di questo pezzo fa parte dell’album-tributo We All Love Ennio Morricone del 2006, insieme a quelli di artisti tutti diversi tra loro, come Celine Dion, Andrea Bocelli, Bruce Springsteen, Roger Waters. E ancora il rock del Boss, che anticipa l’esibizione di Badlands con la colonna sonora di C’era una volta il west suonata dal pianista della sua E Street Band.

Il suo rapporto con la musica inizia giovanissimo. Quando, cioè, nel 1946 quando si diploma in tromba, mentre nel 1954 si diploma in Composizione al Conservatorio sotto la guida del maestro Goffredo Petrassi. Gia’ alla fine degli Anni 50 arrivano le sue prime composizioni per concerto, mentre la carriera di compositore per il cinema e’ iniziata ufficialmente nel 1961 con il film diretto da Luciano Salce Il Federale.

Il successo arriva con i film western di Sergio Leone: Per un pugno di dollari (1964) Per qualche dollaro in piu’ (1965), Il buono, il brutto e il cattivo (1966), C’era una volta il The West (1968) Giu’ la testa (1971). Ricordare i film che hanno avuto la fortuna di avere le sue colonne sonore e’ un po’ come ricordarli per il loro regista o per l’attore protagonista. Se gli ‘spaghetti western’ sono ricordati per la regia di Sergio Leone o per la presenza di attori come Clint Eastwood, lo sono altrettanto per le musiche di Ennio Morricone. 

Tra i ‘suoi’ film piu’ famosi spiccano sicuramente Nuovo Cinema Paradiso; La leggenda del pianista sull’oceano; Un Sacco Bello; Malena; The Untouchables; C’era una volta in America; Mission e U Turn. Alla fine saranno oltre 450 i film per cui ha composto le musiche, per numerosi registi italiani e internazionali tra cui ovviamente Sergio Leone, poi Gillo Pontecorvo, Pier Paolo Pasolini, Bernardo Bertolucci, Carlo Verdone, Giuliano Montaldo, Lina Wertmuller, Giuseppe Tornatore, Brian De Palma, Roman Polanski, Warren Beatty, Adrian Lyne, Oliver Stone, Margarethe Von Trotta, Henry Verneuil, Pedro Almodovar e Roland Joffe’).

Altrettanto lunga la lista di premi e riconoscimenti: oltre agli Oscar, ha vinto il Leone d’oro alla carriera, 8 Nastri D’argento, 5 Bafta, 6 candidature agli Oscar, 7 David Di Donatello, 3 Golden Globes, 1 Grammy e 1 European Film Award. Per la sua musica ha anche vinto 27 Dischi d’oro, 7 dischi di platino, 3 Golden Plates e il premio della ‘Critica discografica’ per la musica del film Il Prato. La colonna sonora del film Il buono, il brutto e il cattivo e’ stata inserita nella Hall of Fame dei Grammy nel 2009 mentre l’anno dopo e’ stato insignito del prestigioso premio Polar Music.

Morricone non si e’ mai fermato, neanche negli anni più recenti. Nel novembre del 2013 ha iniziato un tour per celebrare i 50 anni di carriera nel cinema. Il tour europeo e’ ripreso tra febbraio e marzo 2015 con concerti in 20 citta’ di 12 paesi diversi, nelle arene piu’ grandi d’Europa tra cui la O2 di Londra e lo Ziggo Dome di Amsterdam, registrando il sold out quasi ovunque. 

Nel 2016, poi, l’Oscar di The Hateful Eight: “E’ la colonna sonora piu’ bella che ha mai scritto? Non credo, non credo”, disse dopo il premio. Probabilmente perche’ trovare la piu’ bella in mezzo a tanti capolavori e’ impresa ardua

(LE FOTO SONO DI ANTONIO FRAIOLI)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *