Sei anni fa moriva Tommy Ramone, batterista (ma non solo) dei Ramones

Dei Ramones è stato tanto, se non tutto: chitarrista, manager, poi batterista. Tommy Ramone pseudonimo di Tamás Erdélyi, era nato a Budapest il 29 gennaio 1952: è scomparso l’11 luglio del 2014, a New York. Batterista, produttore discografico e cantautore ungherese naturalizzato  statunitense.

È stato lui a spingere gli altri tre ragazzi di Forest Hills a formare una band. Inizialmente aveva il ruolo di manager all’interno della band ed entrò nei Ramones come batterista al posto di Joey Ramone, sia perché Joey non riusciva a stare dietro alla velocità sempre maggiore di esecuzione della band, sia perché la ricerca di altri batteristi si rivelò infruttuosa: si presentarono alle audizioni per il posto di batterista persone che sapevano suonare la batteria con uno stile heavy metal che non era quello che JoeyDee Dee e Johnny stavano cercando. Per Tommy si trattò della prima volta da batterista nella sua vita. Joey si dedicò poi al ruolo di cantante del gruppo.

Nel 1978 lasciò il ruolo di batterista a Marky Ramone, stremato dalle innumerevoli esibizioni dei Ramones ed anche perché non veniva considerato un vero Ramone, in quanto aveva uno stile di vita troppo distante dagli altri della band: era una persona molto più tranquilla. Lasciò la band anche perché era sempre preso di mira dagli altri componenti, con continui scherzi, anche abbastanza pesanti, per la maggior parte ad opera di Dee Dee. Per capire meglio il suo abbandono, va considerato poi che, durante gli ultimi due anni in cui è rimasto nella band, (1977 – 1978), da una parte si vedeva ormai come un passeggero dentro il furgone con cui giravano il mondo, non considerato e continuamente preso in giro, e dall’altra si vedeva con grandi prospettive per un’attività di produttore musicale, attività che gli è sempre interessata e piaciuta.

Lasciata la band, si dedicò poi, infatti, all’attività di produttore e di manager sia della band stessa sia di altri gruppi come i The ReplacementsRedd KrossThe Rattlers ed i Talking Heads. Negli ultimi anni Tommy è stato impegnato in una band di bluegrass americana chiamata Uncle Monk, con la quale ha pubblicato un album omonimo nel 2006. Muore l’11 luglio 2014 nella sua casa nel Queens a New York, all’età di 62 anni a causa di un cancro alle vie biliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *