‘The Clairvoyants’s beat’ album di debutto dei 17STRIPES – RECENSIONE

‘The Clairvoyant’s Beat’, il lavoro d’esordio del collettivo 17Stripes, registrato per Areasonica Records è disponibile da giugno. Insieme all’album, in distribuzione su tutte le piattaforme digitali internazionali, al via anche il lancio in radio del primo singolo estratto ‘Love like a Python’, accompagnato dal videoclip ufficiale su YouTube.

Quattro brani di grande impatto per un mix di rock ed elettronica, su cui spiccano le chitarre graffiate e la voce potente di Cri DL, l’anima rock del duo, che insieme a quella elettronica di Esse Effe ha dato vita ai 17Stripes. Uno ama la chitarra e l’altro la 909, ma è bastato loro solo un primo periodo di conoscenza reciproca per rodare questa dualità. L’incontro di due stili profondamente diversi e la successiva scoperta di un equilibrio, ha generato quello che è il tratto distintivo della loro musica. Nessuna differenza viene appiattita ma anzi esaltata e valorizzata. Due musicisti, due anime musicalmente diverse, ma con il comune desiderio di fare musica e di creare una matrice artistica aperta a qualsiasi forma d’arte.

I 17Stripes raccontano di essere nati semplicemente davanti ad una sigaretta e ad un caffè. Ma la loro anima è qualcosa di molto più particolare ed articolato di quanto potrebbe far pensare una genesi così spontanea ed istintiva. Non solo un duo musicale, ma un vero e proprio collettivo, un gruppo artistico fatto di video maker, fotografi e visual designer che ruotano attorno alla musica e che insieme la valorizzano e la completano.

Di Serena Danese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *