Leggenda del rock latino (e non solo): Buon Compleanno Carlos Santana

Dal rock latino alla fusion, dal pop rock al blues, passando per il rock psichedelico: la capacità di incidere in tanti generi di un solo, grande, artista.

Carlos Santana compie oggi 73 anni. Nato ad Autlán de Navarro il 20 luglio del 1947, in Messico, è naturalizzato statunitense.

Carlos Santana

Chitarrista con uno stile unico, fin dagli Anni 70, con il suo gruppo ‘Santana’, mescolava vari generi, quali appunto salsa, rock classico, blues e fusion. Irripetibili i suoi lungi assoli di chitarra, accompagnati dagli strumenti più tradizionali del suo paese, suonati dalla sua band.

Da giovanissimo, per aiutare la famiglia, lavora come lavapiatti, ma la passione per la musica era troppo forte. E per questo, spesso, di nascosto andava al Bill Graham’s Fillmore Auditorium ad ascoltare alcuni dei suoi musicisti preferiti: tra questi Muddy Waters, The Grateful Dead e artisti blues, rock e jazz.

Il primo vero approccio con il mondo della musica arriva nel 1966, quando il chitarrista Tom Frazier fonda un gruppo rock. Così a lui si aggregarono Santana (voce e chitarra), Mike Carabello (percussioni), Rod Harper (batteria), Gus Rodriguez (basso) e il nativo di Seattle Gregg Rolie (voce e organo), per formare i Santana.

Il successo arriva senza aver pubblicato il disco. Santana, infatti, entra a far parte del cartellone del festival di Woodstock: la sua Soul Sacrifice, 11 minuti di musica allo stato puro sul palco più famoso del mondo, ne fa crescere la popolarità. Arrivano poi le registrazioni del singolo Evil Ways e dell’album Abraxas, un successo enorme.

E poi ancora album come Caravanserai, Santana III, che segnavano il passaggio a generi nuovi, che Santana stava esplorando, come jazz e fusion, oltre al rock latino.

Ma nel corso degli anni 90 Santana rischiò il declino, solo sfiorato e ricacciato indietro grazie ad un album, Supernatural del 1999, considerato il più importante successo della sua carriera, con cui si è fatto conoscere dalle nuove generazioni.

Ha venduto più di 80 milioni di dischi, ha scritto successi come Dance, Sister, Dance e Let It Shine, la strumentale Europa (Earth’s Cry Heaven’s Smile), Black Magic Woman, Oye Como Va, Guajira, Samba Pa Ti che hanno fatto, e fanno, ballare milioni di persone in tutto il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *