‘XXL’: il secondo singolo MEZZALIBBRA – RECENSIONE

‘XXL’ il secondo singolo di Mezzalibbra è ora disponibile su Youtube. Un brano che affronta il delicato e sempre attuale problema del body shaming. ‘XXL’ è uscito pochi mesi dopo il singolo d’esordio dell’artista ‘Cometa’. Il nuovo pezzo vede l’impiego di sonorità Funky, Soul e R&B, che lo rendono fresco e orecchiabile, rimarcando il testo, diretto semplice ed efficace.

“Non è facile, forse è impossibile, cadere a terra e poi non sentirsi deboli. Se vuoi la verità non sai che male fa prendere schiaffi da uno specchio insensibile”.

Già nel titolo scelto ‘XXL’ vi è un richiamo alla delicata tematica trattata nel brano. Il messaggio che l’artista vuole inviare è quello dell’accettazione del proprio corpo, senza dare importanza alle parole che le persone possono dire spesso con cattiveria.

“Ma non cederò, sotto i vostri no.

Non sarò mai come mi vorresti tu.

Non vedrai mai nei miei occhi guardare giù”.

Davide Corneli, in arte Mezzalibbra, inizia gli studi di canto da bambino per poi appassionarsi al basso e infine anche alla chitarra. Nel corso degli anni ha suonato in vari gruppi, festival e club per poi iniziare ad avvicinarsi alla scrittura delle proprie canzoni all’età di 18 anni, appassionandosi anche alla poesia. Il nome d’arte Mezzalibbra ha un significato profondo che rimanda al suo legame con la natura e le sue origini in cui trova massima ispirazione per le sue composizioni.

A Novembre del 2019 pubblica il suo primo singolo ‘Cometa’ con la produzione artistica di Cristiano Romanelli (UMMO) e inizia ad avere subito degli ottimi riscontri da parte del pubblico e della critica. Moltissime le interviste e recensioni in web magazine nazionali.

All’inizio del 2020 si ufficializza la band con Alexander Rotella alla batteria, Gianji (Francesco Nallira) alla prima chitarra e Nicotina (Emanuele Di Domenico) alla seconda chitarra; band che lo accompagna nei live in giro per club e che contribuisce alla realizzazione del secondo singolo ‘XXL’.

Di Serena Danese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *