GALÉRIE, il nuovo EP OVERTURE – RECENSIONE

‘Galérie’ il primo Ep della giovane rap band alessandrina Overture, è disponibile su tutte le piattaforme digitali. Si tratta di un concept EP che assume i connotati di un viaggio all’interno del mondo sonoro della band come fosse una galleria d’arte. Ogni stanza contiene un brano, e ogni brano contiene una storia.

Composto da sei tracce, ‘Galérie’ è il primo lavoro discografico full-lenght degli Overture. “Questo per noi è il primo e vero progetto ufficiale. All’interno troverete i nostri primi due singoli ‘Fiume in piena’ e ‘Come godo se’ accompagnati da altri quattro inediti –hanno spiegato i ragazzi della band a proposito di ‘Galérie’. Ci siamo immedesimati nell’ascoltatore, che oggi ha bisogno di visioni come l’appassionato di arte, cioè riuscire a cogliere in sequenza prima l’insieme e poi il particolare. Sarebbe scontato dire che teniamo molto a questo Ep e che abbiamo sudato per far sì che, anche in questa situazione paradossale e di lontananza, riuscisse ad essere percepito nella maniera che volevamo. Ci siamo riusciti, questi siamo noi. Ascoltateci, e non solo con le orecchie”.

Ecco la tracklist completa:

‘Vesto di Nero’, ‘Come Godo Se’, ‘Miele’, ‘Italiano Medio’, ‘Fiume in Piena’, ‘Santorini’.

Gli Overture sono una giovanissima band di Alessandria nata nel 2018. Il gruppo è formato da Davide Boveri (voce), Jacopo Cipolla (basso), Andrea Barbera (chitarra e tastiere) e Giacomo Pisani (batteria e percussioni). Ogni componente della band arriva da mondi musicalmente diversi. Il progetto Overture parte dalle sonorità del Rap Metal per poi svecchiarle e creare un nuovo crossover che tiene come riferimento principale il rap e la trap più moderni e vi accorpa i suoni funk, soul, rock e reggae. L’obiettivo del gruppo è sperimentare nuove sonorità partendo dalle

esperienze musicali vicine alle sensibilità dei singoli componenti. La band debutta con il primo singolo ‘Fiume in piena’ nel novembre 2019. Segue a gennaio 2020 il secondo inedito dal titolo ‘Come Godo Se’. Il filo conduttore nelle produzioni degli Overture è nascosto nella componente testuale, scritta di getto, senza filtri, per trattare tematiche spesso scomode al subconscio umano.

Di Serena Danese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *