‘Beyond 2 Doors’, il nuovo album di GIANLUCA JOHN ATTANASIO – RECENSIONE

‘Beyond 2 doors’ è il titolo dell’ultimo lavoro del musicista e cantante Gianluca John Attanasio, di origini Italiane ma inglese di adozione. Un album composta da 13 tracce che spaziano dal blues a un rock psichedelico vintage, che richiama subito alla mente band come The Doors. Un esempio è il brano numero uno della tracklist ‘King money’ di cui è già disponibile su Youtube il videoclip.

‘Beyond 2 doors’ non è però solo questo. Nel cd, vi è infatti uno spazio dedicato a ballate romantiche ed introspettive il cui protagonista è l’amore. C’è quello vissuto dal bluesman solitario abbandonato da donne spietate. C’è poi l’amore che si è deciso di terminare per prendersi cura del proprio mondo interiore, come in ‘In the morning’. Ma quello che fa soffrire di più è sicuramente l’amore che, una volta finito, trasforma gli amanti in pianeti dispersi, vaganti, in un universo ancora più sconfinato, alienante e buio, come si legge e si ascolta in ‘Sacred Flight’. ‘Beyond 2 doors’ (scritto, arrangiato e prodotto dallo stesso Attanasio, il quale nel corso degli ultimi 15 anni ha anche composto musiche per il cinema indipendente, il teatro e la danza) affronta anche il tema della solitudine, dell’indifferenza e del bisogno di percorrere un viaggio interiore alla ricerca delle proprie emozioni, come nel brani ‘The life will continue. Chi oggi vive in una grande metropoli, può sentirsi molto solo, soprattutto se non ti ascoltano neppure i genitori o gli amici. Le grandi città possono trasformarsi in minacciose e oscure foreste nelle quali l’unica soluzione è fare affidamento sul proprio coraggio, come Attanasio canta nella oscura e assai doorsiana ‘Black forest’. A volte, tuttavia, si deve percorrere un viaggio solitario e silenzioso all’interno della mente per ricordare a se stessi chi si era prima, e questo lo troviamo in ‘Silent Roads’. ‘Beyond 2 doors’ è stato composto ‘on the road’ tra Roma, Londra, New York e Los Angeles nell’arco di 4 anni. Non si limita al suono blues/rock e a testi ironici e taglienti, ma nel disco Attanasio esplora anche sonorità elettroniche come nel brano ‘God save every soldier’ e ‘Miss dog’. Il primo è un omaggio ai soldati americani e alle loro famiglie. Il secondo è una visione ironica della donna di oggi la quale tiene in pugno l’uomo attraverso l’arma della seduzione e della provocazione sessuale. Pianoforti acustici ed elettrici , organi, chitarre elettriche ed acustiche, loop e pad elettronici sono il cuore di questo album, che può essere considerato un viaggio sonoro dagli anni ‘60 ad oggi.

Ecco la tracklist completa:

1)King money. 2) In the club. 3) Living in my blues. 4) Baby up Baby Down. 5) I lost my angel. 6) Black forest. 7) Silent roads. 8) Sacred flight. 9) God save every soldier. 10) In the morning. 11) Miss Dog. 12)Life will continue. 13)Time is over.

Gianluca John Attanasio è un cantautore, compositore, produttore discografico, sceneggiatore, regista, fotografo e giornalista italiano. Specializzato in pianoforte e composizione moderni presso il ‘Laboratorio musicale Walter Savelli’ di Firenze, Attanasio ha pubblicato vari album dal 1989. Questi album sono stati pubblicati da diverse etichette, tra cui l’etichetta italiana Aliante / Time music (Sergio Cammariere), Warner / Chappell Music e musica EMI. Negli anni seguenti Attanasio ha scritto musica per la televisione di danza e cortometraggi, avviando collaborazioni internazionali con Mike Applebaum (Zucchero), Geoff Westley (Lucio Battisti, Riccardo Cocciante, Bee Gees), Renato Serio (Renato Zero), Susanne Hahn, Roberto Guarino ( Samuele Bersani, Loredana Bertè), Kathleen Hagen (Mario Biondi) e Walter Savelli (Claudio Baglioni). In teatro ha lavorato con scrittori, poeti e registi internazionali tra cui Peter Colley, Ennio Coltorti, Francesco Giuffrè, Daniele Scattina, Carlo Giuffrè, Gianluca Ramazzotti, Beppe Costa. Nel 1998, con altri musicisti italiani, ha aperto il concerto di Claudio Baglioni allo Stadio Olimpico di Roma. Nel 2005 Attanasio ha creato e portato avanti un progetto musicale ‘Harmonia’ con i fratelli Aldo e Roberto Gemma e l’attrice francese Martin Brochard come cantante. Nel 2007 Gianluca ha vinto il teatro ‘Fondi La Pastora’ – Premio (XXXIII edizione) ricevuto a Roma. Migliore musica per “AK-47”, brano di Daniele Scattina e Claudio De Santis. ‘Last song’ è il suo primo cortometraggio, scritto da lui e Katheen Hagen. Ha prodotto il CD Soul of the ocean con 24 colonne sonore e Il mio primo segreto, un CD per pianoforte solista contenente ‘Serenata dal cuore’, una canzone composta per il compleanno di Papa Giovanni Paolo II, e si è esibito davanti al Papa nella Sala Nervi (Vaticano Città). Questa pièce è stata suonata dall’Orchestra Classica di Alessandria diretta da Renato Serio. Nel 2012, Attanasio è stato invitato all’Istituto Italiano di Cultura da UCMF (Union des Compositeurs de Musique de Film) di Parigi per tenere un masterclass sul rapporto tra musica e immagini nei film, nella danza e nel teatro.

Di Serena Danese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *