“1969 – Achille Idol Rebirth’: in uscita con Maleducata e C’est La Vie con Mannoia

Esce domani per Elektra Records/Warner Music Italy in formato CD e su tutte le piattaforme digitali, “1969 – Achille Idol Rebirth”, la rivisitazione dell’album che ha portato a conoscenza del grande pubblico il più estroverso e discusso artista italiano. Dalla sua prima pubblicazione dello scorso anno – già certificata Disco d’Oro – il successo di Achille Lauro è inarrestabile: 405 milioni di streams per i suoi brani, 90 milioni di views totali su YouTube, più di 35.000 copie vendute per gli album.

Alla vigilia dell’uscita di 1969 – Achille Idol Rebirth, è ancora forte il successo di 1990, il side project omaggio ai favolosi Nineties uscito il 24 luglio per Elektra Records/Warner Music Italy di cui l’artista è Chief Creative. L’album ha debuttato direttamente al primo posto della classifica di vendita Fimi/Gfk nella categoria album e nella categoria vinili.

Venerdì 25 settembre l’album astronave del tempo “1969” che ospita “Rolls Royce”, aggancia nuove navicelle spaziali per completarsi definitivamente: “Me Ne frego”, il brano che ha consacrato definitivamente il successo dell’artista grazie alle sue live performance Glamour uniche al Festival di Sanremo, “Maledetto Lunedì”, singolo ElectroPop poetico e decadente dei due produttori romani Frenetik&Orang3. Prende a bordo i grandi successi del 2020: dalla struggente ballad “16 Marzo” – che a pochissimi dall’uscita mesi è certificata Disco d’Oro e conta ormai quasi 30 milioni di ascolti sulle diverse piattaforme – al famosissimo “Bam Bam Twist”, tormentone estivo che rievoca il ballo più sexy e provocante della storia, per mesi in vetta alle classifiche radiofoniche. “1969 – Achille Idol Rebirth” contiene inoltre una riedizione dell’immortale “C’est La Vie”, magistralmente reinterpretata dalla regina del cantautorato italiano Fiorella Mannoia, e la sconvolgente “Maleducata”, soundtrack ufficiale della famosa serie Baby 3 trasmessa in 190 paesi del mondo.

Icona, punkrocker, popstar, l’alter-ego abbandona il sepolcro dopo essere stato crocifisso e risorge ad Icona Glam. Inno alla Pansessualità, no gender, fluido oltre il maschile e il femminile, avverso agli schemi e alle omologazioni, poeta pasoliniano e neorealista.

Rinasce cosi “ACHILLE IDOL” l’alter ego dell’artista più discusso degli ultimi anni, tornando dal suo passato per completare “1969” un viaggio nel tempo iniziato solo 1 anno fa.

***

Gioventù sregolata ed eccessiva come James Dean.

Lusso e maledizione come Marilyn.

Sesso e Rock N Roll come Hendrix.

Viva Las Vegas come Elvis.

Voglio una fine così, C’est la vie.

***

Questa sera Achille Lauro sarà ospite al Matera Art International Film Festival: alle ore 20.30, nella corte dell’ex-ospedale di San Rocco, in piazza San Giovanni, a Matera, ritirerà il premio MatIFF riservato ai giovani produttori cinematografici, per il cortometraggio “Terrurismo” di Vito Cea e Roberto Moliterni, prodotto proprio da Lauro (anche presente nel film in un cameo insieme ad Andrisani, che ne è il protagonista).

Sabato 26 settembre Achille Lauro sarà invece protagonista del MediTa Festival di Taranto, dove riproporrà i suoi più grandi successi accompagnato dall’Orchestra Ico Magna Grecia, che comprende circa quaranta elementi, diretta dal Maestro Piero Romano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *