Talento puro ma sfortunato: 66 anni fa nasceva Stevie Ray Vaughan

Uno dei più grandi e influenti chitarristi della storia. Ma pure uno degli artisti più sfortunati di sempre.

Oggi “Stevie” Ray Vaughan, nato a Dallas il 3 ottobre del 1954, avrebbe compiuto 66 anni, se il 27 agosto del 1990 il suo elicottero, alzatosi in cielo in piena nebbia, non fosse finito contro una collina, strappando al mondo un vero talento della chitarra.

Tra i più dotati e influenti esponenti del blues statunitense, a causa della prematura scomparsa abbia pubblicato solo quattro album in studio e un live. Una carriera breve ma fulminante, un po’ come Jimi Hendrix.

Inizia sin da piccolo a suonare la chitarra, seguendo le orme del fratello maggiore Jimmie, (anche lui rinomato musicista, futuro chitarrista dei Fabulous Thunderbids). A diciassette anni abbandona la scuola per dedicarsi completamente alla musica. Vaughan è un musicista totalmente autodidatta e dopo i primi successi nei locali dell’area di Austin, nascono i Double TroubleStevie Ray Vaughan ne diventa il leader. Oltre a lui, il gruppo comprende il batterista Chris Layton e il bassista Jackie Newhouse. Nel novembre del 1979 questa formazione incide un album che non verrà mai pubblicato ufficialmente. Il repertorio della band è di genere blues e rock and roll.

Per quanto riguarda la morte di SRV, come dichiarato in seguito da chitarrista Eric ClaptonVaughan, stanco per il concerto, chiede di prendere il posto di Clapton e partire per primo. Poco dopo il decollo però il velivolo si schianta contro una collina a causa della fitta nebbia e della poca esperienza del pilota in simili condizioni atmosferiche. Nell’impatto, oltre allo stesso Stevie Ray Vaughan, muoiono il pilota Jeff Brown e i membri dello staff di Eric Clapton, Bobby Brooks, Nigel Browne e Colin Smythee. Nessuno si accorge dell’incidente fino alla mattina seguente, quando l’elicottero non giunge a destinazione.
Stevie Ray Vaughan viene sepolto il 31 agosto 1990 al Laurel Land Memorial Park di Dallas, accanto al padre, morto quattro anni prima nello stesso giorno del figlio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *