19 anni fa l’addio a George Harrison, l’antidivo dei Beatles

E’ stato l’antidivo dei Beatles. 19 anni, tanto è passato, dall’addio a George Harrison, l’antidivo dei Beatles, il chitarrista discreto del quartetto di Liverpool. Fu anche un fondatore e membro del gruppo dei Traveling Wilburys. Durante gli anni trascorsi con i Beatles realizzò ventidue canzoni. Tutti gli album del gruppo da “With the Beatles” contenevano generalmente due o più tracce di sua composizione, tra cui “While My Guitar Gently Weeps“, “Something” e “Here Comes the Sun“.

Harrison era nato a Liverpool il 25 febbraio 1943, con i Beatles hanno inciso 12 album, compreso Let It Be, il disco pubblicato dopo lo scioglimento della band, nel 1970.

Dopo l’addio ai Beatles, realizzò il suo primo album solista, contenente molti brani che non erano stati pubblicati negli ultimi lavori dei Beatles, “All Things Must Pass“; in aggiunta al lavoro solista collaborò anche con Ringo StarrEric ClaptonJeff Lynne e Tom PettyGeorge Harrison conobbe la cultura e la musica indiana nella seconda metà degli anni ’60 e ne divenne profondo estimatore, introdusse quindi notevoli sonorità di origine indiana sia nei Beatles, sia nel lavoro solista. Assieme al musicista indiano Ravi Shankar organizzò, nell’agosto 1971, il celebre The Concert for Bangladesh, primo concerto benefico nella storia della musica, in cui parteciparono anche StarrClaptonShankar e Bob Dylan; nell’occasione, si stava per realizzare una reunion dei Fab Four, ma John Lennon declinò l’invito poiché non si voleva la partecipazione della moglie Yoko Ono e Paul McCartney per la presenza di Allen Klein fra gli organizzatori.

Dal 15 marzo 2004 il suo nome figura nella Rock’n’Roll Hall of Fame. Muore di cancro all’età di 58 anni il 29 novembre 2001 a Los Angeles, nella villa di Ringo Starr, a Beverly Hills. Il suo corpo è stato cremato, come da lui richiesto nelle sue ultime volontà e le sue ceneri, raccolte in una scatola di cartone, sono state sparse nel sacro fiume indiano, il Gange, secondo la tradizione induista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *