Ha rivoluzionato il modo di suonare il basso: Buon Compleanno Jaco

Ha rivoluzionato il modo di suonare il basso, ritagliandosi un posto come figura di spicco nel panorama jazz e soprattutto fusion. Troppo presto, ad appena 36 anni, se n’è andato, una morte violenta dopo una rissa in un club. John Francis Anthony Pastorius III, per tutti semplicemente Jaco Pastorius, era nato negli Usa, a Norristown, l’1 dicembre 1951. Nella sua breve quanto intensa carriera, ha rivoluzionato il suo strumento: con il suo stile particolare è riuscito a caratterizzare il basso come solista. Per generazioni di bassisti (dal pop al rock) Jaco Pastorius è un punto di riferimento. Lo strumento prediletto da Pastorius era il basso elettrico fretless, usato già negli anni ’60 da John Entwistle dei The WhoBill Wyman dei Rolling Stones, e anche da John Paul Jones dei Led Zeppelin. È credenza comune che Pastorius inventò il basso elettrico senza tasti (“fretless“), pare armandosi di martello e scalpello per rimuoverli dal suo Fender Jazz Bass.

Non aveva neanche 36 anni quando una lite in un locale di Fort Lauderdale causa la sua morte. Una decina di giorni prima del decesso, Pastorius si era recato nel locale dopo che era stato cacciato dal concerto di Carlos Santana al Sunrise Music Theatre in Florida: infatti, era salito sul palco per rendere omaggio, alzandogli la mano come si usa fare per decretare il vincitore negli incontri di boxe, all’ex bassista dei Weather ReportAlphonso Johnson. Accompagnato fuori dalla sicurezza, si era spostato in un altro locale. Qui gli era stato negato l’ingresso, era in stato di ebrezza, da quello che sarà il suo aggressore, che fu processato per omicidio volontario, anche se condannato per omicidio preterintenzionale a 22 mesi di carcere più 5 anni di libertà vigilata, ma uscì solo dopo 4 mesi per buona condotta. Jaco muore il 21 settembre 1987 per una emorragia cerebrale che gli causò lo stato di coma a seguito del brutale pestaggio: l’aggressione gli aveva causato, anche, la rottura del braccio destro, la perdita di un occhio e danni gravi al cervello. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *