La voce graffiante del rock: 76 anni fa nasceva Rod Stewart

Voce graffiante, rocker di successo, Rod Stewart , nato a Londra il 10 gennaio 1945, compie oggi 76 anni.

Oltre 250 milioni di dischi in tutto il mondo, in carriera per dieci volte la prima posizione nelle classifiche degli album più venduti nel Regno Unito, è anche entrato per 26 volte nella top ten di quelle relative ai singoli. Rod the mod (“Rod il ribelle”) ha avuto un notevole successo anche negli Stati Uniti, con 16 singoli entrati nei primi dieci posti delle classifiche Billboard Hot 100, quattro dei quali hanno raggiunto il primo posto. Inoltre, in occasione di un concerto gratuito davanti a circa 3 milioni e mezzo di spettatori sulla spiaggia di Copacabana, tenutosi il 31 dicembre 1994, il cantautore britannico è divenuto l’artista con maggiore affluenza di pubblico nell’intera storia del rock.

Nel 1964 entra ed esce da gruppi british blues, suonando con John Paul Jones, futuro bassista dei Led ZeppelinMick FleetwoodJulie Driscoll, il tastierista Brian Auger e gli Steampacket di Long John Baldry. Successivamente entra nell’orbita di Jeff Beck, dove conosce Ron Wood, con il quale stringe un’importante e duratura amicizia. Nel 1969, il Jeff Beck Group si scioglie, ma insieme a Wood, si unisce ai Faces, gruppo erede degli Small Faces. Da questo momento, la carriera di Stewart si dipana lungo il versante solista e quello del gruppo. Vincitore di numerosi premi, Stewart ha conquistato nel corso della sua carriera un Grammy Award nel 2005, un BRIT Award nel 1993, un American Music Award nel 1994 e due World Music Awards nel 1993 e nel 2001. Nel 2008, la rivista Billboard lo ha posizionato al 17esimo posto nella classifica dei 100 artisti di maggior successo di tutti i tempi, mentre si trova alla posizione numero 59 nell’omologa classifica stilata da Rolling Stone (che ha individuato tra i suoi migliori brani Maggie May, Tonight’s the Night (Gonna Be Alright), e Downtown Train) . Come artista solista, Stewart è stato inserito nella US Rock and Roll Hall of Fame nel 1994, nella UK Music Hall of Fame nel 2006, e una seconda volta nella US Rock and Roll Hall of Fame nel 2012 (come membro dei Faces). Inoltre, il suo nome è scritto sulla Hollywood Walk of Fame.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *