Sanremo, Amadeus: Via libera Cts vuol dire non fermare la musica

Siamo felicissimi perche’ questo via libera ufficiale vuol dire non fermare la musica, vuol dire poter dare agli italiani uno spettacolo importante che e’ quello che stiamo organizzando. Il Festival di Sanremo ci appartiene e anche in un anno cosi’ difficile la festa ci puo’ essere con le dovute accortezze. La festa, pero’, sara’ soprattutto nelle case dei telespettatori”. Lo ha detto Amadeus al Tg1, a proposito del via libera del Comitato tecnico scientifico al protocollo Rai per il prossimo Festival di Sanremo, in programma, su Rai1, dal 2 al 6 marzo, in un teatro Ariston senza pubblico.

Tante le limitazioni previste, che coinvolgeranno tutti i protagonisti, nessuno escluso. Per esempio non ci sara’ nessuna trasmissione collegata,
nessun palco esterno, giornalisti contingentati alle prove generali e nella sala stampa, che per l’occasione sarà al Casino’ di Sanremo), mascherine e guanti obbligatori per tutti, tamponi ogni 72 ore. E poi ancora I premi saranno consegnati su carrelli igienizzati ogni volta e sul palco dovra’ essere tenuta la distanza di due metri, un metro e mezzo per gli appartenenti alla stessa band.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *