Addio Chick Corea, talento unico che amava suonare per regalare gioia

“È con grande tristezza che annunciamo che il 9 febbraio Chick Corea è deceduto all’età di 79 anni, per una rara forma di cancro scoperta solo di recente”. Si apre così il più triste dei post sulle pagine social dello straordinario pianista. “Per tutta la sua vita e la sua carriera- continua il post- Chick ha apprezzato la libertà e il divertimento di creare qualcosa di nuovo. Era un marito, padre e nonno amato, e un grande mentore e amico per tanti. Attraverso il suo lavoro e i decenni trascorsi in giro per il mondo, ha toccato e ispirato la vita di milioni di persone. Anche se sarebbe stato il primo a dire che la sua musica diceva più di quanto le parole potessero mai fare, tuttavia aveva questo messaggio per tutti coloro che conosceva e amava, e per tutti coloro che lo amavano: “‘Voglio ringraziare tutti coloro che, lungo il mio viaggio, hanno contribuito a mantenere vivo il fuoco della musica. Mi auguro che coloro che hanno la vaga idea di suonare, scrivere, esibirsi o altro lo facciano. Se non per te, allora per il resto di noi. Non è solo il mondo che ha bisogno di più artisti, è anche molto divertente'”.

E ancora: “‘E ai miei fantastici amici musicisti che sono stati come una famiglia per me da quando ti conosco: è stata una benedizione e un onore imparare e suonare con tutti voi. La mia missione è sempre stata quella di portare la gioia di creare ovunque potessi, e di averlo fatto con tutti gli artisti che ammiro così tanto: questa è stata la ricchezza della mia vita “. La famiglia di Chick chiede privacy per questo momento difficile. Armando Anthony ‘Chick’ Corea, pioniere e innovatore, aveva compiuto 79 anni, era nato il 12 giugno del 1941Chelsea, negli Usa. Vincitore di ben 22 Grammy Award, oltre ad essere anche uno dei piu’ influenti e famosi tastieristi fusion, e’ stato anche uno dei piu’ virtuosi utilizzatori di tastiere elettroniche, grazie anche alla collaborazione con Miles Davis. ‘Chick’ Corea, origini italiane, esattamente di Albi in provincia di Catanzaro, dopo i primi album, verso la fine degli Anni 60, si unisce al gruppo di Miles Davis e appare su dischi come In a Silent Way e Bitches Brew.

È qui che inizia a sperimentare l’uso di strumenti elettronici, ed in particolare il Fender Rhodes, suonando le tastiere in contemporanea con un altro grande pianista, Keith Jarrett. In seguito Corea, interessato ad alcuni progetti solisti, viene ritenuto da Davis abbastanza maturo per poter avere una propria band. All’inizio degli anni settanta, Corea intraprende cosi’ alcuni progetti come leader. Tra il 1970 e il 1971, e’ attivo nel gruppo Circle, un complesso jazz d’avanguardia in cui militano Anthony Braxton, Dave Holland e Barry Altschul. Nel 1971 fonda un’altra band, Return to Forever. Nel 1974 il chitarrista Al Di Meola entra a farne parte, e Corea intensifica l’uso dei sintetizzatori. Nel 1975 l’album No Mystery con i Return to Forever vince il Grammy Award. Nel 1976 l’album The Leprechaun vince un Grammy Award ed un brano dell’album intitolato ‘Leprechaun’s Dream’ il Grammy Award for Best Instrumental Arrangement. Nel 1978 l’album Friends vince un Grammy Award. Verso la fine degli anni settanta, Corea inizia a collaborare con il vibrafonista Gary Burton, con il quale incide diversi album. Nel 1993 si aggiudica la Targa Tenco per la canzone Sicily, interpretata con Pino Daniele, inserita nell’album ‘Che Dio ti benedica’ del 1993. ‘Sicily’, rivisitata dal cantautore napoletano, in origine faceva
parte dell’album ‘Friends’ di Corea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *