Da Reggae Night a Wild World: 73 anni fa nasceva Jimmy Cliff

73 anni fa nasceva Jimmy Cliff, pseudonimo di James Chambers, artista giamaicano al successo con singoli come Reggae Night, Hot Shot, Sitting in Limbo, I Can See Clearly Now, You Can Get It If You Really Want e Many Rivers to Cross da Più duro è, più forte cade (The Harder They Come), un film che ebbe un ruolo importante nella diffusione mondiale della musica reggae. Ha anche realizzato una cover ‘reggae’ di  Wild World, celebre pezzo di Cat Stevens.

Nato a St. James, l’1 aprile 1948, sua carriera inizia dopo Hurricane Hattie, singolo che divenne presto un successo discografico. Era prodotto da Leslie Kong, con cui Cliff collaborò fino alla di lui morte. Tra i suoi primi singoli “King of Kings”, “One Eyed Jacks” e “Pride and Passion” che non vendettero mai bene fuori i confini giamaicani. Nel 1964 Jimmy venne scelto come rappresentante dell’Esposizione universale, dove venne ben presto reclutato dall’Island Records, etichetta discografica britannica.

Nel 1968 esce il suo primo album, “Hard Road to Travel”, che lo rende noto e gradito anche dalla critica. Con il singolo “Waterfall” vince l’International Festival in Brasile. Subito dopo compone “Wonderful World, Beautiful People” che scala le classifiche inglesi seguito dall’inno pacifista “Vietnam”, che il musicista folk-rock Bob Dylan giudica la miglior canzone di protesta che abbia mai sentito. Pubblica altri due singoli “Wild World“, cover di Cat Stevens e “You Can Get It If You Really Want”, successi del 1970. Nel 1971 Leslie Kong muore di attacco cardiaco. Nello stesso anno uscì la colonna sonora di Più duro è, più forte cade, The Harder They Come, che fu un grande successo, ma non lo portò nell’olimpo della celebrità. Dopo una serie di album, Cliff prende una pausa dal mondo della musica viaggiando attraverso l’Africa nella sua riscoperta fede islamica. Ritornò presto alla musica, viaggiando per molti anni prima di suonare con i Kool & the Gang per Power & the Glory nel 1983. E finalmente, nel 1985, vince un Grammy Award con l’album Cliff Hanger. Molti singoli e album sono seguiti e il cantante ha continuato a vendere bene specialmente in Giamaica.

Nel 1990 appare nel film Programmato per uccidere con Steven Seagal dove esegue il brano John Crow.

Jimmy Cliff ha anche realizzato una cover di The Lion Sleeps Tonight portata al successo nel 1961 da Hank Medress dei The Tokens.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *