“Misentobene”, il 17 aprile il nuovo lavoro in studio di Raffaele Pillai

In uscita il 17 aprile su tutte le piattaforme digitali, per l’etichetta sarda La Stanza Nascosta Records del musicista e produttore Salvatore Papotto, l’album Misentobene del cantautore cagliaritano Raffaele Pillai. Preceduto dal singolo “La libertà”-una struggente rock ballad in radio e sui digital stores dal 22 marzo scorso- Misentobene è il secondo lavoro in studio dell’artista, che ha già all’attivo l’ep Una storia tipica Italiana (La Stanza Nascosta Records, 2017).

Misentobene è disponibile anche in supporto usb, contenente inoltre il precedente Una storia tipica Italiana. Scritto a quattro mani con Luigi Sarigu, Misentobene segna un deciso cambio di rotta rispetto al precedente Una storia tipica italiana. Archiviati gli echi dei primi Timoria e i richiami alla Dark wave fiorentina, Pillai sembra muoversi ora nel territorio del folk-rock, facendo emergere un tratto più marcatamente cantautorale e privilegiando un sound meno distorto rispetto agli esordi.

Si inizia con Ricordo di un’infanzia, nostalgico elogio della spensieratezza su controtempi di batteria; seguono Addomestitango, quasi un omaggio al Molleggiato per ritmica e intenzione; l’esistenzialista Una vita sola, riuscito connubio di reggae e acid jazz; il dissacrante funky-blues di “Mi faccio un giro”, una sorta di Guerra dei Roses in musica senza tragico epilogo. Una vena cantautorale classica sembra percorrere La libertà e Domani chissà (dall’incipit vagamente deandreiano), mentre Tutto Torna declina incisivamente, in salsa funky-rock, la perentoria legge del karma e

La vera realtà disegna il sogno di un’isola felice, scandito da un riff ipnotico di chitarra.Chiude il lavoro il folk di Misentobene, autentico manifesto del musicista non professionista, punteggiato di incursioni blues.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *