Bauli in piazza, ‘Governo, ora ci vedi?’: l’appello contro la crisi del settore

In mille. E una domanda: ‘Governo, ora ci vedi?’. Da oltre 400 giorni i lavoratori dello spettacolo e degli eventi sono impossibilitati a svolgere la propria professione: Bauli In Piazza è la seconda manifestazione nazionale, questa volta ha avuto come scenario piazza del Popolo a Roma, dopo il Duomo di Milano.

I mille bauli ‘in piazza’ sono stati posizionati a formare un 419, tanti giorni quanti sono quelli da quando è iniziato lo stop allo spettacolo, 1500 gli operatori registrati all’ingresso, circa 200 le persone che hanno lavorato al flash mob andato in scena nella Capitale. Sono arrivati verso Roma diversi pullman da tutta Italia (due solo da Milano, uno da Bologna. Tra i tanti artisti in piazza, Renato Zero, Alessandra Amoroso, Manuel Agnelli. E poi ancora Max Gazzè e Daniele Silvestri, Roy Paci, Diodato, Fiorella Mannoia, Emma Marrone, Giuliano Sangiorgi.

Tra le richieste rivolte al Governo, per cercare di affrontare una situazione decisamente complicata, un fondo da erogare in mensilità a lavoratrici e lavoratori dello spettacolo ed eventi, un sostegno economico per le imprese della filiera, la calendarizzazione di un tavolo interministeriale che, su parametri prestabiliti, imposti i modelli graduali di ripartenza del settore, ne affronti la riforma con riferimento a previdenza e assistenza dei lavoratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *