I 70 anni di Baglioni, l’omaggio a Roma in un Murales nella sua Centocelle

Un lungo post, sui social, per ringraziare i fan in occasione del suo compleanno, dei suoi 70 anni portati magnificamente. In particolare, Claudio Baglioni ha voluto ringraziare gli autori del murales creato da un suo gruppo di fan presso Casa San Felice, casa-famiglia gestita dal parroco dell’omonima chiesa nel quartiere romano di Centocelle a Roma (Piazza di S. Felice da Cantalice, 20) che raffigura un primo piano dell’artista unitamente alle note e alle parole di “Strada facendo”, celebre brano del 1981.

Lo staff di www.doremifasol.org (sito di riferimento per i fan di Baglioni) e i numerosissimi seguaci hanno unito le forze con lo street artist Mauro Palotta, in arte Maupal, per realizzare un murales celebrativo in un luogo simbolico per Claudio Baglioni.

Queste le parole di Claudio Baglioni:

È una sorpresa indescrivibile. Ma come vi è saltato in mente?!?

Nel quartiere dove sono stato bambino e adolescente.

A Centocelle, dove sono diventato un ragazzo.

Nella piazza in cui son salito, per la prima volta, su un palco

senza lontanamente immaginare quel che sarebbe accaduto in seguito.

Su una parete della casa famiglia San Felice

proprio davanti a quel palchetto del tempo che fu.

L’avete pensata bella. Una gran cosa per una buona causa.

Il mio apprezzamento e la mia gratitudine

non hanno voce e parole sufficienti e adeguate.

È una sensazione bizzarra e stupefacente.

E, per una volta tanto, fa davvero piacere

essere “sbattuti su un muro”.

Un muro, che in quegli anni, temevo si alzasse per sempre

tra me e tutti gli altri

e che oggi si fa testimonianza di un incontro che dura da allora.

Un insieme di piccole storie vissute o mai risapute

che la vita ha narrato nel romanzo di ognuno di noi.

Nello stesso momento ringrazio coloro

che con doni e pensieri diversi

si sono ricordati di me e della mia prossima età.

Sono tanti di numero e ciascuno con la sua firma e la sua fantasia.

A tutti vorrei dire il mio bene

perché a darlo non ne sarei capace.

Si cresce e ci si fa grandi

ma non si smette mai di essere timidi e schivi.

A combattere il tempo come si fa?

Si può battere ancora a tempo di musica.

Sul tempo che va.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *