Pink Floyd in Concerto a Venezia, 32 anni fa lo storico concerto

Un evento unico, straordinario, “divertente e snervante” come ammesso da David Gilmour. Sono passati 32 anni dal leggendario concerto dei Pink Floyd a Venezia. Proposto dall’impresario veneziano Francesco Tomasi, l’evento chiudeva il passaggio in Italia con un concerto gratuito nella sua città per il giorno 15 luglio 1989, giorno della festa del Redentore.
“Lo spettacolo di Venezia è stato molto divertente, ma molto teso e snervante– il ricordo di David Gilmour- Avevamo una durata specifica dello spettacolo da fare; la trasmissione via satellite ci ha obbligato ad avere un programma assolutamente preciso. Avevamo l’elenco delle canzoni e le avevamo accorciate, cosa che non avevamo mai fatto prima. Avevo un grande orologio digitale rosso sul pavimento di fronte a me e l’ora di inizio di ogni canzone scritta su un pezzo di carta. Se ci stavamo avvicinando all’ora di inizio della canzone successiva dovevo solo chiudere quella che stavamo suonando. Ci siamo divertiti molto, ma le autorità cittadine che avevano accettato di fornire i servizi di sicurezza, i servizi igienici e il cibo hanno completamente rinnegato tutto quello che dovevano fare e poi hanno cercato di incolpare noi di tutti i problemi successivi”.
Il costo fu finanziato per 1 miliardo di lire dalla Rai, che trasmise il concerto in mondovisione, incluse l’Unione Sovietica (in differita) e contemporaneamente nelle due Germanie; il resto delle spese (alcune centinaia di milioni di lire) furono coperte dai Pink Floyd stessi. Si stima che a livello mondiale il concerto sia stato seguito da 100 milioni di spettatori, di cui 27 milioni negli Stati Uniti (dove l’evento fu trasmesso via cavo al prezzo di dieci dollari). In Italia il concerto fu visto da oltre 3,5 milioni di spettatori, con un indice d’ascolto del 30%.

Questa la scaletta:

  1. Shine On You Crazy Diamond (Part I) – solo intro
  2. Learning to Fly
  3. Yet Another Movie
  4. Round and Around
  5. Sorrow – accorciato
  6. The Dogs of War
  7. On the Turning Away
  8. Time
  9. The Great Gig in the Sky
  10. Wish You Were Here
  11. Money – accorciato
  12. Another Brick in the Wall (Part 2)
  13. Comfortably Numb
  14. Run Like Hell

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *